The human side of digital (AAVV, 2015)

Condividi questo articolo!


Invito alla lettura

Di cosa tratta questo libro?

Il libro raccoglie esperienze di lavoro di consulenti HR specializzati sul tema del cambiamento digitale. La tesi è che siamo di fronte ad una trasformazione epocale che “disintegra” processi organizzativi, flussi di comunicazione e modi di strutturare le attività di lavoro; al contempo, tuttavia, tutto ciò è reintegrato o ricostruito in modalità nuove e con il supporto di mezzi e funzionalità digitali, in grado di valicare i confini usuali di tempo e spazio. Si parte dalla discussione del tema del cambiamento, con l’ausilio di modelli teorici, arrivando alle esperienze “di vita vissuta” e i casi di successo. Gli autori si concentrano sugli aspetti legati all’organizzazione e alla gestione delle human_side_of_digital_sitorisorse umane: vedasi i capitoli dedicati al recruiting, al total learning e alla valorizzazione del capitale umano. Entrano in gioco modelli, ragionamenti e riflessioni indirizzati a chi tiene le redini in azienda e sarà chiamato a cavalcare la digital disruption.

Perché leggerlo?

Una moltitudine di figure aziendali sono implicate: da chi si occupa di marketing a chi è centrato sull’IT, ma il vero destinatario del libro é l’HR specialist o l’HR manager. Ciò non toglie che la lettura possa risultare interessante anche agli appassionati di tecnologie digitali o a coloro che ne vedono la progressiva introduzione sul posto di lavoro. Non sono in grado di dire quanto il libro sia completo rispetto al tema della digital disruption, ma certamente la lettura fornisce spunti a persone interessate a questo tema anche da prospettive differenti. Luca Solari, autore dell’introduzione e di tre capitoli, ribadisce l’apertura al dialogo e il carattere propositivo di questo libro (pag. 25):

Voglio […] puntare l’attenzione del management più visionario sul fatto che stiamo liberando energie positive. […] Molto di questo valore non si realizzerà appieno, ma da manager vi invito a pensare come creare le condizioni per farlo fruttare all’interno della vostra organizzazione.

Mi é piaciuto?

Si, molto. Il valore aggiunto del libro è l’aver offerto esperienze e casi di studio emergenti dall’attività di consulenza degli autori. Questi ultimi centrano inoltre l’obiettivo di far capire l’importanza di un approccio serio, strategico e olistico al digitale. La lettura è resa scorrevole da un linguaggio chiaro e preciso; il discorso non è mai ridondante perché, appena esaurito un argomento, si passa agilmente al successivo senza avere mai la sensazione che dei contenuti manchino (almeno all’occhio di uno non esperto del tema come il sottoscritto). Libro caldamente consigliato ai colleghi HR di tutte le età, in quanto in estrema sintesi riesce nella duplice sfida di indicare la strada per il futuro e appassionare con facilità.

Colombo C., Donadio A., Galardi A., Marini V., Solari L. (2015). The human side of digital. Milano: Guerini e associati


Mi chiamo Paolo Sciacovelli e sono autore di questo articolo e di questo sito. Attualmente frequento il Master in Consulenza del Lavoro e Direzione del Personale presso la Cattolica di Milano. Nel 2014 ho ottenuto la laurea magistrale in Psicologia delle Organizzazioni e ho cominciato a muovere i primi passi nel mondo HR con un anno e mezzo di esperienza lavorativa e di stage nella consulenza organizzativa e nella selezione del personale. Da luglio 2016 gestisco in autonomia questo spazio virtuale, condividendo i miei articoli su LinkedIn.


Nota: Non percepisco denaro per la segnalazione di questo testo e mi limito ad esprimere la mia personale opinione in questa recensione. 
Chiunque è libero di accettare l'invito alla lettura così come di non interessarsi a questo libro.

Lascia un commento